Lobo Gilderoy Zoolander

Archive for the ‘Cinema’ Category

L’inverno sta bruciando

In Cinema, Recensione on 7 giugno 2019 at 5:29 pm

 

X-Men – Dark Phoenix

Ultimo capitolo anche per i Figli dell’Atomo. Primi anni 90, il gruppo degli X-Men sembra integrato nel mondo e il recupero dello Shuttle in difficoltà sancisce questo corso, ma anche l’arrivo di Fenice. Jean Grey entra in contatto con questa forza primigenia e nulla sarà più lo stesso. Contenerla: impossibile. Sconfiggerla: impensabile. Il destino di tutti sembra… ineluttabile.

 

Regista esordiente alla guida di quest’ultimo capitolo che sembra governato più dal dovere che dall’entusiasmo. Una delle saghe cardine dell’universo Marvel viene così spesa come un compitino in classe della scuola primaria. Peccato.

 

Non brutto, con effetti discreti e azione giusta per accattivare il pubblico giovane, si lascia vedere. Non resterà negli annali, se non per essere l’ultimo di un’era.

Annunci

In Cinema, Recensione on 4 giugno 2019 at 8:13 pm

Godzilla – King of Monsters

Secondo film su gigantesco mostro nipponico. Dopo King Kong anche altre creature si stanno affacciando nel mondo e hanno tutte un comune denominatore: seguono un Alpha, solo che potrebbe non essere Godzilla…

 

Questa volta molti più mostri, molte più “sfiatate” molta più azione caciarona come ci si aspetta da un film di questo genere. Gli attori sembrano essere una cornice a tutto il resto, come anche la sceneggiatura, o la parvenza di se stessa.

 

Effetti notevolissime e necessità totale della “sospensione dell’incredulità”, per il resto avrete quello che vi aspettate: Gojira!

La stella più brillante

In Cinema, Recensione on 2 giugno 2019 at 3:15 pm

Rocketman

Sir Elton John, un uomo che ha fatto dell’eccesso, sotto ogni aspetto, la sua bandiera di vita. Chi non lo segue bene nemmeno immagina i numeri da capogiro che è stato di fare all’alba degli anni settanta. Un talento incredibile covato nella brace di un’infanzia terribile.

 

Questo biopic nasce con il placet dell’artista, e nel finale si nota, ma non risparmia molto della cruda verità sulla rockstar. Grazie anche al suo percorso riabilitativo Elton John sembra ora in grado di guardare in faccia al  suo passato.

 

Un musical a tutti gli effetti dove Taron Egerton è mattatore assoluto. Impossibile non lasciarsi trascinare dal glitter e dall’allure che circondano tutto. Si viene lanciati letteralmente in orbita ed è un’occasione per conoscere meglio Reginald Dwight (il vero nome dell’Uomo). Imperdibile.

Pika… Pika…

In Cinema, Recensione on 9 maggio 2019 at 5:28 pm

Detective Pikachu

I Pokemon imperversano da più di un ventennio. Ora approdano al cinema in versione live + animazione in stile Roger Rabbit. I Pokemon convivono con gli umani nella città di Ryme quasi in simbiosi. Il padre di Tim, detective della polizia, scompare mentre sta indagando proprio sui pokemon. Resta solo il suo fedele aiutante Pikachu…

 

A livello tecnico il film è di tutto rispetto, ma è subito chiaro che l’asticella è stata piazzata per il pubblico giovane. Tutto chiaro e scontato, si tratta solo di vedere quanto ci vorrà ad arrivare alla fine.

 

Grande roadshow di pokemon (il merchandise vuole la sua parte), un po’ di azione, una sequenza “rubata” al Batman di Burton (ma tanto sempre Warner era) e si arriva alla fine. Bambini soddisfatti, genitori un po’ meno.

La libbra di carne

In Cinema, Recensione on 8 maggio 2019 at 9:11 am

Highwaymen – L’Ultima Imboscata

La storia di Bonnie & Clyde vista dall’altro lato della barricata: i cacciatori. Dove il film di Arthur Penn era un elegia dei fuggiaschi, qui c’è la cruda realtà dei due “cacciatori”, Texas Rangers stanchi e in pensione con un ultimo scopo.

 

Il film di John Lee Hancock è crudo e realistico. Una sorta di western moderno dai tempi lunghi, come un buon whisky che riposa nelle sue botti. Niente lodi sperticate per i due fuorilegge, dipinti per quello che sono, 2 psicopatici crudeli e sanguinari, né facili applausi per le forze dell’ordine.

 

Più un film introspettivo e di costruzione del momento che la solita spettacolarizzazione di una caccia all’uomo. L’ormai quasi settantenne Kostner e lo “stanco” Harrelson giganteggiano nel loro realismo. Un’esecuzione annunciata e voluta dall’establishment. Per nostalgici.

Distribuito su Netflix.

L’eterna corsa all’oro

In Cinema on 3 maggio 2019 at 7:03 pm

I Fratelli Sisters

Fine ‘800, la frontiera del West. Due fratelli fanno da sicari per il classico proprietario “maneggione”, il Commodoro. Quando li manderanno sulle tracce di un chimico con una fantomatica soluzione per trovare l’oro, decideranno però che forse è il momento di mettersi in proprio.

 

In questi ultimi anni il genere western ha saputo stupirci con titoli moderni e notevolissimi. Con questa premessa e i nomi del cast era lecito attendersi qualcosa di più. Il film è più il viaggio introspettivo nel rapporto tra i due fratelli che un’epopea o il ritratto di un’epoca.

 

Qualche pistola spara, morti ce ne sono e anche cavalli al galoppo, ma manca quel mordente tipico del western. La marcia in più non c’è a dispetto di tutto. Peccato.

Sei sempre il solito stupìdo

In Cinema, Recensione on 3 maggio 2019 at 6:37 pm

Stanlio & Ollio

Gli uomini dietro i personaggi. La vita di quelli che ancora oggi sono il duo comico più facilmente riconoscibile, nella loro parabola discendente. Le carriere hanno sempre una fine, ma spesso molto poco luminosa.

 

Il film di Baird restituisce un ritratto molto crudo del duo, mostrandoci dove risiedeva il vero genio e la sregolatezza. Alla fine però è un’intensa storia di amicizia con due interpreti magistrali che tengono il film sulle spalle.

 

Non aspettatevi le gag, non c’è spazio per il lato comico, è più un elegia per gli amanti di un tempo che non esiste più. Un viaggio nella nostra infanzia molto commovente.

Io sono ineluttabile

In Cinema, Recensione on 24 aprile 2019 at 10:52 am

Avengers: Endgame

L’universo è dimezzato, Thanos fuggito, ma i superstiti non sono pronti ad arrendersi. Trovare Thanos: facile, tendergli una trappola e sconfiggerlo: facile (con Captain Marvel), rimettere le cose a posto: impossibile. Thanos ci aveva già pensato. E allora? Eccoci 5 anni dopo a fare i conti con le macerie emotive della catastrofe.

 

3 ore di film di cui più della metà con una vera storia, analisi delle motivazioni, viaggio nell’animo dei protagonisti, tutto ciò che non è pop corn movie insomma. Una scelta coraggiosa ma vincente (un po’ meno quella delle 3 ore che sono una durata da Transformers).

 

Spettacolarità garantita dall’inevitabile scontro finale e soprattutto… la fine dei giochi! Forse c’è bisogno che tutti cambi per restare uguale (come diceva qualcuno), ma di certo questo è un punto da cui non si tornerà indietro, l’addio di un’epoca, di un mondo… del finalino (d’altronde dopo che la DC te lo copia che lo fai a fare?)

Superzam!

In Cinema, Recensione on 9 aprile 2019 at 5:44 pm

Shazam!

Billy Batson è un ragazzo orfano che si ritrova suo malgrado con incredibili poteri magici. Al grido di “Shazam!” diventa un adulto superpompato in grado di far concorrenza a Superman. Ma anche lui avrà la sua nemesi, il Dottor Silvana potenziato dai 7 peccati capitali (!).

 

Il tono dell’ultimo arrivato in casa DC è da commedia scanzonata in stile Ant- Man, senza essere un heist movie però, e funziona molto bene soprattutto all’inizio, poi un leggera lunghezza eccessiva e il bisogno di restare aderenti al fumetto lo appesantiscono nel finale.

 

Finalino in stile Marvel, trame pronte per i sequel e forse un nuovo membro per la Justice League. Un perfetto teen movie.

Curiosità: la DC aveva il nome Captain Marvel in mano ben prima della Marvel, ma alterne vicende della sua controllata e un periodo di oblio di un personaggio che negli anni 40 vendeva più di Superman, hanno fatto si che il testimone (e i diritti) passasse alla Casa delle Idee… peccato.

Bisio di nuovo Presidente

In Cinema, Recensione on 1 aprile 2019 at 8:30 am

Bentornato Presidente!

Giuseppe Garibaldi, per motivi di cuore, torna nella Capitale solo che stavolta sarà Presidente del Consiglio, sempre animato dalla sua pratica semplicità.

 

A parte la sostituzione della Smutniak con la Felberbaum (sempre al limite dell’impronunciabilità) nel ruolo di Janis, il film ricalca il precedente, Benvenuto Presidente!, senza però avere la stessa convincente sceneggiatura.

 

Questo secondo capitolo vive essenzialmente della parodia del nostro Governo e di scene a se stanti essendo privo di una vera e propria storia interessante. Qualche risata si fa, anche se ci sono momenti di stanca, e l’impergno è basso.

Adatto per una visione molto leggera.

Lanterna verde più costume di Wonder Woman uguale Captain Marvel

In Cinema, Recensione on 7 marzo 2019 at 11:51 am

Captain Marvel

Carol Danvers è un pilota collaudatore che entra in contatto con una razza aliena da cui ricava incredibili poteri di proiezione energetica e volo spaziale. Quindi Carol Danvers è Lanterna Verde con un costume da Wonder Woman!

Detto questo la storia, ambientata nei 90, serve essezialmente a presentarci la supereroina che risolverà tutti i problemi di trama di Avengers per il capitolo finale. e che urla “anche la Marvel ha supereroi al femminile credibili!”. Tutto il resto è fuffa, fashion e girlpower.

 

Serve vedere questo nuovo capitolo del Marvel Cinematic Universe? Si, perché per la trama è nodale. Si, perché è l’ultima apparizione del Sorridente Stan. Ma se non siete fans della continuity e non vi frega nulla di Windows 95 lasciate perdere.

 

Gli attori funzionano, gli effetti ci sono, qualche battuta ci stà e poi… il gatto Goose, quello sì che spacca e si chiama pure come il copilota di  Magic Smile Tom in Top Gun. Poi c’è un costume ridicolmente goffo, un Nick Fury palesemente artefatto per perdere quei 25/30 anni e tanta roba inutile e caramellosa di cui avremmo fatto volentieri a meno, Jude Law compreso.

 

Bilancio? Film fiacco ma non brutto, necessario, ma non utile, televisivo e non cinematografico.

Occhi lucidi

In Cinema, Recensione on 2 marzo 2019 at 6:51 pm

Domani è un altro giorno

Giuliano e Tommaso sono amici da sempre,ma Giuliano sa che non più molto tempo e così i due si rivedono per un ultimo lungo weekend in cui dirsi addio. Una vita condensata in poche ore.

 

Il film funziona grazie all’alchimia dei due protagonisti che ne sicuramente di cose da raccontarsi ne hanno anche fuori dal set. Se ci aggiungiamo l’atmosfera di questo lungo addio all’ombra della Capitale è chiaro che non se ne può uscire tanto bene.

 

Tuttavia è una tristezza serena quella del film di Simone Spada, un film che non ti lascia indifferente anche se se la gioca su un tavolo facile. Intenso e appassionante.

Onda Kamehameha

In Cinema, Recensione on 27 febbraio 2019 at 11:40 am

Dragonball Super – Broly il film

22 lungometraggi, una figura iconica, il secondo personaggio per merchandise nel mondo (il primo è Gundam se ve lo state chiedendo) tutto questo è Dragonball di Akira Toriyama, in pista da 35 (!) anni. Ora è la volta di un nuovo personaggio con cui scontrarsi: Broly.

 

Ok, non è una novità, anzi è la struttura tipica di Dragonball, sempre qualcuno di più forte per mettere alla prova Goku. Il film è carino e piacerà ai fans e ai bambini. C’è una storia, leggera, e tante tante tante botte, da restarne quasi nauseati se siete adulti.

 

Animazione curata, tutto quello che vi aspettate e che i vostri bambini che guardano la serie vogliono. Per gli adulti una sorta di penitenza scandita da urla di guerra ed esplosioni pindariche.

 

Ma che davvero?

In Cinema, Recensione on 21 febbraio 2019 at 1:50 pm

The Front Runner – Il Vizio del Potere

Gary Hart, l’uomo che nella corsa elettiva USA dell’88 era il predestinato. L’uomo che per una “scappatella” deragliò lasciando la strada spianata ai repubblicani. L’uomo che non se lo sarebbe mai aspettato.

 

Partendo dal presupposto che nessuno si ricorda di Hart oggi e che probabilmente nessuno è interessato a conoscerne la storia, questo spaccato di cronaca si vorrebbe presentare come The Post, ma senza suscitare l’interesse necessario.

 

I primi 20 minuti sono altamente punitivi, con una costruzione alla West Wing, senza averne il brio e Sorkin alla sceneggiatura. Poi scatta l’aspetto scandalistico ed un minimo sussulto lo si ha, ma dura molto poco. Un film decisamente per un pubblico americano, forse, in cui lo spettatore fa la fine di Hart… non si rende nemmeno conto che è finita.

LEGO, LEGO e sempre LEGO

In Cinema, Recensione on 19 febbraio 2019 at 9:44 pm

LEGO Movie 2

Tornano Emmet, Lucy e si… anche Batman. Questa volta la bella LEGO City è diventata un panorama post apocaliptico a causa dell’invasione aliena dei DUPLO, ma le cose possono peggiorare quando la regina Wello Ke-Wuoglio decide di attaccare la città.

 

Il nuovo film è incentrato sui personaggi del film e non su quelli in licenza con una storia dal grande ritmo, ma anche con tematiche universali di forte presa sui bambini.

 

Realizzazione come di consueto curatissima. Citazioni continue di altri film molto da cinefili, ma anche no. Il prodotto perfetto per le famiglie anche se gli adulti andranno meno “lisci”.

E alla fine… fu Alita!

In Cinema, Recensione on 14 febbraio 2019 at 8:05 pm

Alita – Angelo della Battaglia

Futuro post apocaliptico per una guerra tra Marte e la Terra. Alita è un cyborg ricostruito dal professor Ido che vive nella città discarica sotto il paradiso levitante di Salem. Non ricorda il suo passato e intraprenderà un percorso di formazione che la porterà lontano.

 

Tratto da un manga di  grande successo degli anni 90, da sempre pallino di Cameron, è un progetto molto particolare che si discosta da Matrix per essere più vicino a Hunger Games, ma in tutt’altra guisa.

 

E’ un’opera “girl power” con tematiche da romanzo di formazione, pur mantenendo il suo cuore fantascientifico e d’azione. Un bell’ibrido dalla grafica superlativa. Da vedere assolutamente!

Meglio del DHL

In Cinema, Recensione on 8 febbraio 2019 at 10:12 pm

The Mule – Il Corriere

Earl, un coltivatore di orchidee travolto dalla crisi e con rapporti ormai deteriorati con la famiglia, decide di diventare un corriere del cartello per guadagnare soldi necessari a “sistemare le cose”. Sarà il  migliore… e il più ricercato.

 

Non è autobiografico, ma si vede chiaramente che sfioriamo l’intimo de cacciatore bianco dal cuore nero, non fosse che per la figlia che fa la figlia. Niente giudizi sui personaggi, niente dita puntate, ma un viaggio intimo e affascinante.

 

Come perdersi questo che potrebbe essere l’ultimo film (ma anche no) di quella che forse è la più grande icona di Hollywood rimasta? Impossibile!

Non c’è due senza tre

In Cinema, Recensione on 7 febbraio 2019 at 9:53 am

Dragon Trainer 3 – Il Mondo Nascosto

Berk ormai ha più draghi che uomini e tutti i popoli vorrebbero vederla cadere. La soluzione per Hiccup è migrare verso una leggendaria “terra dei draghi”, ma con i nemici alle costole non sarà facile.

 

Terzo capitolo leggermente sotto il precedente, ma sempre molto divertente e con tematiche sociali sulla diversità, vero punto fermo del franchise.

 

Animazione spettacolare, ritmo medio con un po’ troppi dialoghi se consideriamo il pubblico di riferimento che non sono i teen, ma i bambini. Nel complesso un prodotto che non tradisce le attese.

Ride bene chi ride ultimo

In Cinema, Recensione on 24 gennaio 2019 at 11:12 pm

La Favorita

 

Inghilterra – XVIII secolo. Nella corte della Regina Anna, Sarah Marlborough è la favorita, con grande potere a corte, ma l’arrivo di Abigali Marsham cambierà gli equilibri anche politici.
La Favorita non è esattamente un film in costume, piuttosto un morboso viaggio nell’animo umano, nelle sue piccolezze e meschinerie. Lathimos usa il vecchio sistema di dipingere qualcosa di antico per svelarci qualcosa di attuale.
E’ un film lungo e impegnativo, non per tutti i palati. Amanti del film in costume e del dramma.

Ti spiezzo in due… di nuovo

In Cinema, Recensione on 24 gennaio 2019 at 8:31 am

Creed II

Adonis Creed ha già combattuto contro lo spettro del padre, ma ora una prova ancora più dura lo attende: Viktor Drago, figlio dell’Ivan che lo ha reso orfano.

 

Creed II è la nuova versione di Rocky III. Al di la dell’avversario “storico”, c’è un pugile un po’ “seduto” e un tizio emergente motivato e picchiatore. Un allenatore che vede ciò che l’atleta si nasconde e tanto bisogno di riscatto. E poi… Drago, che diciamolo pure, spacca!

 

Training montage come da copione, Michael B. Jordan con due espressioni (con e senza lividi), ma con un grande fisico e musica molto “giovane”. Quello che però squote la platea sono le note di Bill Conti e Gonna Fly Now, perché è inutile girarci intorno… è un film cha appassiona perché vive sulle spalle di un altro… Rocky!