Lobo Gilderoy Zoolander

Archive for dicembre 2014|Monthly archive page

Baymax il vero eroe

In Cinema on 19 dicembre 2014 at 11:42 pm

Featured image

Big Hero 6

Tratto dal misconosciuto, ed omonimo, fumetto Marvel, narra della vendetta di Hiro, aiutato dal fido robot baymax, per la morte del fratello.
No Pixar no party si diceva una volta… falso! La Disney tira fuori il jolly dalla tasca di Eta Beta e ti piazza come filmone di Natale una bella storia di vendetta con tanto di partenza strappalacrime stile Walt Vecchio Testamente (Bambi). Poi universo futuribile, robot, gadget, risate, un po’ di nerd sparsi in giro un cattivone molto nippo, 3D a profusioe…et voilà.
Il pacchetto perfetto per il Natale della famiglia. Non è un cinepanettone, ma forse andrà più forte di loro, perché anche se non c’è la Pixar, c’è la magia
Annunci

Natale con Greg e Lillo

In Cinema, Recensione on 18 dicembre 2014 at 10:42 pm

Featured image

Un Natale Stupefacente

Al piccolo Matteo mettono “al gabbio” i genitori per errore. Per non fargli sapere nulla i due zii, Oscar e Remo si faranno carico di fargli passare un bel Natale.
Detta così, manco fa’ ride’, ma abbandonata la comicità pecoreccia e grazie a Greg e Lillo il film fa il suo porco lavoro, ovvero due ore in scioltezza e con qualche bella risata, anzi alcuni momenti sono veramente esilaranti.
Certo qualcuno griderà allo scandalo non avendo più i suoi punti di riferimento, che so De Sica, (ma c’è sempre il Grande Capo Estiqaatsi), però c’è Paolo Calabresi che vale doppio. Quindi aspettando “Pupazzo Criminale” andate e vedrete pure un cameo dei LSD.

Ingenui e bugiardi, ma comunque schiavi

In Cinema, Recensione on 18 dicembre 2014 at 9:04 pm

Featured image

L’Amore Bugiardo – Gone Girl

Il povero Nick torna a casa e non trova più la moglie. Ci sono chiari segni di lotta e quindi chiama la polizie e… guarda un po’… sospettano subito di lui.

Tutti urlano al film hitchcockiano, che è pure vero, ma soprattutto questo è una saggio sulla società odierna, sui media, sull’essere e sull’apparire, insomma quasi un saggio di filosofia e psicologia in formato thriller.

L’abilità di Fincher è quella di utilizzare un Affleck, non esente da difetti di espressività, nei panni del perfetto “bambacione” americano e la Pike (l’unica Bond-girl ad avere i numeri per essere una star a tutto tondo) algida e glaciale bellezza senza scrupoli. Tanto lui spreme gli attori per farli diventare ciò che vuole.

Il nuovo film di Fincher strizza l’occhio al passato, ma non potrebbe essere più nuovo -e bello- di così.

Lo Hobbit – La Battaglia dei 5 Eserciti

In Cinema, Recensione on 17 dicembre 2014 at 6:16 pm

Featured image

Lo Hobbit – La battaglia delle 5 armate

Smaug incontra il suo destino, Thorin Scudodiquercia affronta i suoi fantasmi, Gandalf e gli elfi prendono coscienza di Sauron, le forze della Luce e delle Tenebre si apprestano allo scontro e Bilbo è sempre li in mezzo!

Il secondo capitolo è stata la vera prove del fans, con la sua inutilità e noia e quindi questo terzo a confronto è capolavoro cristallino e potente. Sarà che finalmente si respira l’epica della Terra di Mezzo e sarà che c’è molto poco Hobbit e tanta altro.

Graficamente spettacolare e finalmente una bella chiusura a una saga che era partita non benissimo, meno male.