Lobo Gilderoy Zoolander

O Capitano, mio Capitano

In Cinema, Recensione on 25 marzo 2014 at 11:03 pm

Image

Steve Rogers, ormai scongelato, è un membro più che attivo dello S.H.I.E.L.D. e dei Vendicatori, quello che la sua ingenuità “anni 50” non gli consente di capire, però, è che ormai non esistono più buoni o cattive, ma grandi zone grigie governate dagli interessi personali. In un attimo si ritroverà quindi con l’etichetta di traditore e d un bersaglio sulla schiena, messo li proprio dai suoi ex-compagni.

Questo secondo episodio è decisamente migliore del precedente, soprattutto perché non più appesantito dalla necessaria prefazione che introduce un nuovo personaggio.

Si è deciso così di andare a pescare il ciclo narrativo forse migliore di Cap: “Il soldato d’inverno”.Al di la delle forzature narrative –all’ordine del giorno però in casa Marvel- questa è una vera spy story vecchia scuola (c’è anche Robert Redford a ribadirlo).

Uno dei migliori film di casa Marvel ad oggi, il che dimostra che si può far bene anche senza il gigionissimo Tony Stark.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: